domenica 23 settembre 2012

La lotta tra legno e metallo

Un dettaglio del Caproni Ca.3 del Museo di Vigna di Valle


Il dibattito tutto tecnico sul materiale ideale per le costruzioni aeronautiche ha inizio con i pionieri stessi del "volo a motore" e si intreccia con le vicende storiche e politiche.

Nel 1914 ad esempio, sull'Annuario di Aeronautica, Ottorino Pomilio scriveva: "Da molto tempo si va affermando e ripetendo che a breve scadenza la costruzione in legno e la costruzione mista (legno e ferro) attualmente adottate saranno rimpiazzate dalla costruzione intieramente metallica. I fatti non sembrano confermare tali previsioni, almeno per ora". Ed anche: "L'alluminio invece è quasi totalmente scomparso e non è più adoperato che come lamiera per ricoprire le navicelle e le fusoliere o nei supporti degli strumenti, impieghi tutti che richiedono delle resistenze minime". Osserva tuttavia che "I legni cavi e intelati della prima ora sono stati abbandonati, perché troppo costosi e poco robusti".